Raccontaci chi siete

Fondato nel 2007, PRINCIPIOATTIVO si trasforma nel 2014 in PRINCIPIOATTIVO Architecture Group Srl. Sia in qualità di laboratorio creativo multidisciplinare che di società di project management, offriamo soluzioni architettoniche innovative. La proattività è la nostra Key-Word. Non aspettiamo che le cose accadano, creiamo team e modelliamo situazioni ad hoc per i nostri clienti. La curiosità e l’entusiasmo fanno parte di ognuno di noi. Dal micro al macro ogni azione che esprimiamo esprime la nostra attitudine, visione e approccio.

Raccontaci cosa fate per la Ciclabilità di Milano

PRINCIPIOATTIVO opera con interesse ed attenzione nell’ambito della ciclabilità milanese, dallo sviluppo di attività ed eventi volti alla promozione della viabilità ciclopedonale, ad interventi di miglioramento dello spazio pubblico, con la progettazione di stalli per biciclette come arredo urbano. Inoltre, con progetti come Cycling The Week (Fuorisalone 2016), vogliamo comunicare che ci si può muovere nella città senza dover percorrere vie trafficate e pericolose, incoraggiando la mobilità sostenibile, l’utilizzo delle piste ciclabili esistenti, la scoperta della città “nascosta” di Milano.

Raccontaci perchè lo fate

Abbiamo il privilegio di poter esprimere la nostra passione in ciò che facciamo ogni giorno: lavorare dando valore sociale e approccio sostenibile ad ogni progetto che creiamo, reinventando un nuovo modo di plasmare spazi privati e pubblici per rendere la vita delle persone più piacevole.
Problemi evidenti nella città di Milano, come traffico intenso, saturazione dei parcheggi, carenza di stalli e postazioni sicure per biciclette, vandalismo, sono per noi motivo di interesse e sfida progettuale, divenendo quindi un’opportunità concreta di miglioramento della qualità dello spazio pubblico.

Cosa fareste in più o meglio con il premio?

Vogliamo realizzare un percorso culturale all’interno di uno dei municipi di milano (attualmente stiamo dialogando con il municipio 3) al fine di creare un percorso ciclopedonale riconosciuto e dove, per ogni stazione, sia posizionato un gruppo di BIKE BOX utili sia ai turisti che si muovono in bicicletta per “depositare” il mezzo, sia ai cittadini per ricoverare durante gli orari notturni le biciclette dando un ordine urbano e al tempo stesso sicurezza per i mezzi di trasporto.

Come ci dimostrerete tra un anno quello che siete riusciti a fare?

Tra un anno vogliamo avere creato 4 bike box station nel Municipio 3 in corrispondenza di Casa boschi di Stefano, Politecnico di Milano, Biblioteca Valvassori Peroni e al Cinema Casoretto. Oltre alla realizzazione quindi di 20 posti bici coperti e sicuri all’interno del Municipio 3, vogliamo collegare questi punti di interesse culturale attraverso un percorso colorato, una linea di colore, che guidi i visitatori a scoprire il territorio di Milano.